Basta. Questo lavoro, questa routine, mi hanno proprio rotto. Ho deciso, mollo tutto e vado a vivere in Australia, così posso svegliarmi alle 10, imbracciare la mia tavola da surf e stare in spiaggia fino a che il sole non cala all’orizzonte. Bene, dopo questo sfogo calmatevi e realizzate che è molto difficile che ciò accada veramente ed è inutile che fate i gradassi con i vostri amici o minacciate così vostra moglie. Un momento, non abbattetevi, una soluzione c’è. L’ente per il turismo australiano ha indetto una selezione per assegnare i sei lavori più belli del mondo, dopo il grande successo della prima edizione nel 2009 in cui circa 35 mila persone si contesero il solo posto di guardiano di un’isola tropicale australiana.

In questa nuova edizione della competizione i lavori sono diventati ben sei: Specialista del divertimento(Sydney), fotografo di lifestyle(Melbourne), esploratore del profondo entroterra(Australia del Nord), Ranger dei Parchi Nazionali(Queensland), Guardiano della fauna selvatica(Australia Meridionale), Specialista gustatore di cibi e vini(Australia Occidentale). Il contratto è di 6 mesi ed il compenso è di $100.000(€78.000). Oltre alla paga base avrete diritto al rimborso spese per vitto ed alloggio. Niente male, direi.

Le domande per partecipare alle selezioni sono dei video personali di 30 secondi in cui bisogna convincere chi vi valuterà non solo che siete adatto per uno dei lavori proposti ma che siete la migliore scelta possibile per quel lavoro. Il contratto parte dal 1 Agosto e tutte le vostre attività dovranno essere documentate attraverso un blog e sui social network. Giusto per farci rosicare un po’. Per partecipare collegatevi entro il 13 Aprile al sito ufficiale cliccando qui.

P.S. Comunque ci ho pensato. La paga è buona, gustatore sono gustatore, specialista pure. Vi consiglio di non candidarvi per il posto di Specialista gustatore di cibi e vini. Quel posto è già mio. Concentratevi sugli altri cinque, per favore.

Luigi Griffo
http://www.manidiricotta.com
Ho 22 anni. Laureato con lode in Economia Aziendale. Al momento, tra un viaggio e l’altro, cerco di trovare la mia strada. Mi piace ogni posto nel mondo, ma almeno una volta all’anno torno nella "mia" Londra. Quando viaggio cerco di mangiare sempre pasti locali perché "non c’è ricordo che non abbia sapore". Una frase per descrivermi? “Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento, lo fa perché di mestiere ha scelto il mestiere del vento. Il viaggiatore odia l’estate, l’estate appartiene al turista.” Ho un difetto : parlo molto. Si vede? Doveva essere una SHORT-bio.