Sculture di zucchero, tappeti di marshmellow, forzieri ricchi di tesori di cioccolato. Tre piani interi di tenerezza da mangiare è l’ultima idea pubblicitaria di un produttore britannico di cioccolato.

Chi di voi non ha sognato, almeno una volta nella vita, di fare un bagno in una vasca piena di cioccolato? O di sdraiarsi su un tappeto di caramelle pronte da smangiucchiare? Tate&Lyle Sugars, uno dei principali produttori di zucchero di canna in Gran Bretagna ha pensato di accontentarvi dando vita al Cake Hotel, nel fantastico quartiere di Soho in Londra, le cui 8 stanze sono state realizzate da un team di 14 pasticcieri e cake-designer per un totale di oltre 2000 ore di lavoro. Ogni stanza avrà un tema, da quella dei “Pirati dei Caraibi” con un enorme forziere pieno di pepite commestibili e gioielli di marzapane, a quella “Barbados” in cui le librerie e gli scaffali sono tutti da mordicchiare e le sculture sono in cristalli di zucchero, passando per quella “Mediterraneo” in cui la vasca è piena di pop-corn caramellati ed i tappeti si mangiano. La più spettacolare è senza dubbio quella patriottica in cui spadroneggiano due enormi leoni in pasta di zucchero(sono lunghi due metri), oltre ad una torta a forma di isola britannica ed una torre di ciambelle.

Se siete dei golosi non vi resta che programmare il vostro prossimo soggiorno al Londra al Cake Hotel. Prima pero lasciate che vi dia un consiglio, fissate anche un appuntamento dal dentista. Al ritorno vi sarà utile, le carie staranno duellando con i vostri denti come nel cartone “Esplorando il Corpo Umano”.

 

Luigi Griffo
http://www.manidiricotta.com
Ho 22 anni. Laureato con lode in Economia Aziendale. Al momento, tra un viaggio e l’altro, cerco di trovare la mia strada. Mi piace ogni posto nel mondo, ma almeno una volta all’anno torno nella "mia" Londra. Quando viaggio cerco di mangiare sempre pasti locali perché "non c’è ricordo che non abbia sapore". Una frase per descrivermi? “Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento, lo fa perché di mestiere ha scelto il mestiere del vento. Il viaggiatore odia l’estate, l’estate appartiene al turista.” Ho un difetto : parlo molto. Si vede? Doveva essere una SHORT-bio.