Un week-end a Londra non basta neanche per orientarvi nell’uso della metropolitana. Tuttavia se potete spendere solo 72 ore nella capitale britannica non dovete assolutamente perdere questi must see.

Londra è una città bellissima, che conta ad oggi circa 8 milioni di abitanti e visitarla tutta sarebbe impossibile anche per chi ci abita, figuriamoci per chi può trascorrerci solo un week-end. Se volete un assaggio dell’arte, della cultura e dello stile della città che ha ospitato i Giochi Olimpici 2012 dovete assolutamente seguire questa guida ed armarvi di pazienza ed organizzazione. Vi guideremo attraverso i palazzi simbolo della monarchia britannica fino ai grattacieli della City, attraverso i quartieri di Soho e South Bank, così diversi tra loro e così intimamente londinesi. Occorre che siate anche ben allenati, perché c’è da camminare molto, ma non ho dubbi che possiate farcela.

Venerdì

La Londra reale, quella delle foto che restano in salotto per intenderci. Da Westminster Abbey a Trafalgar Square passando per i negozi di Covent Garden ed i bar di Soho.

Cominciate dal Westminster Bridge per immortalare la facciata del Parlamento e l’immancabile Big Ben. Alle spalle del parlamento trova sede la famosa Westminster Abbey, dove si sono celebrati i funerali di Lady Diana ma soprattutto dove si sono svolte tutte le incoronazioni dei reali d’Inghilterra, Elisabetta compresa, tranne quelle di Edoardo V ed Edoardo VII. Dal Westminster Bridge dirigetevi verso il St.James Park, attraverso il grazioso Queen Ann’s Gate, in questo che è uno dei parchi più antichi e romantici di Londra. La visita prosegue verso Buckingham Palace, il palazzo che ospita la regina d’Inghilterra e dinanzi al quale potrete assistere al pittoresco, ed ormai famoso in tutto il mondo, Cambio della Guardia. Il Palazzo è visitabile solo nei mesi di Luglio ed Agosto, quando la Regina si sposta nella sua residenza estiva, ma bisogna prenotarsi con notevole anticipo.

Al pomeriggio partite da Trafalgar Square, la piazza dove si celebrano i principali eventi in Inghilterra, dedicata alla battaglia di Trafalgar in cui la Royal Navy di Horatio Nelson ebbe la meglio delle flotte si Francia e Spagna durante le guerre napoleoniche. La piazza ospita la National Gallery, uno dei musei gratuiti più belli e grandi del mondo. Da Trafalgar Square passando per lo Strand potrete facilmente raggiungere Covent Garden, un tempo sede di un mercato coperto ed oggi, invece, quartiere circondato da negozi e teatro a cielo aperto per numerosi artisti di strada. Nei pressi di Covent Garden, si trova anche uno dei migliori negozi di Fish and Chips della città, il Rock and Sole Plaice, di cui vi abbiamo giù parlato in questo articolo. Dopo cena dirigetevi verso Leicester Square, il tempio dei cinema(che costano un occhio della testa) che è attaccato a Piccadilly Circus, nota per i suoi cartelloni pubblicitari luminosi e per l’essere punto finale di una delle arterie commerciali più importanti della città: Regent Street. A questo punto direi che si è fatto tardi ed è meglio andare a nanna, ma se siete stati veloci potete ancora dare un’occhiata ai negozi aperti in Regent Street, appunto.

Sabato

Shopping, di tutti i tipi. Da quello chic, a quello meno, attraverso Portobello Road e Notting Hill, passando per l’elengante Harrods. I quartieri ed i negozi più diversi di Londra tutti in un solo giorno.

Il Sabato si sa, è giornata di shopping. Non si può non iniziarlo con una visita al quartiere radical-chic di Notting Hill(esatto, quello del film ma la libreria e la casa blu non ci sono più, è inutile cercarle). Portobello Road è il posto ideale per chi è in cerca di affari, soprattutto per gli amanti del vintage e del piccolo antiquariato. Dopo lo shopping è tempo di riposo e cosa c’è di meglio di un bel pic-nic in Hyde Park, il più famoso dei parchi londinesi. Il parco è diviso in due dal lago Serpentine, ed ha la sua maggiore attrattiva nello Speakers’ Corner, nell’angolo nord-orientale del parco, dove non è difficile trovare persone che tengono strampalati discorsi oppure inscenano improvvisate rappresentazioni teatrali. Da Hyde Park raggiungerete facilmente Knightsbridge, nel quartiere di South Kensington, il quartiere dei negozi di lusso e della gente con i soldi. Ma anche il quartiere di Harrods, il department store più famoso del mondo con i suoi 7 piani pieni di care tentazioni. Ora di corsa a nord di Londra per il Camden Market, uno dei mercati più folli della capitale, in cui troverete abiti nuovi, usati, vintage, imitazioni, prezzi stracciati, negozi di musica, chioschi alimentari alla buona, insomma tutto quello che non vi aspettereste di trovare a Londra. Dalla metropolitana di Camden Market raggiungete quindi il Regent’s Canal fino al Camden Lock ammirando le case sulle sponde del fiume.

Domenica

La City ed i suoi edifici appassionanti ed affascinanti, se pensate ad i film che ci hanno fatto ed ai trader che in quei palazzi ci lavorano( e ci guadagnano valanghe di soldi), la maestosità della St. Paul’s Cathedral e lo skyline londinese dalla riva sud del Tamigi e South Bank.

Iniziate la giornata dal quartiere della City e dai suoi magnifici palazzi. La Domenica è il giorno giusto per un giro perché il quartiere è quasi deserto, quindi approfittatene per una passeggiata tranquilla ed ammirate le facciate della Bank of England e della Mansion House fino a raggiungere la St. Paul’s Cathedral, il secondo edificio religioso più grande di tutta la Gran Bretagna. La pianta della cattedrale è chiaramente ispirata alla basilica di San Pietro in Vaticano a Roma, con il suo cupolone ben visibile dalla Tate Modern, lo splendido museo di arte moderna che si trova esattamente sull’altra sponda del fiume ed è raggiungibile attraverso il Millennium Bridge, un ponte in stile moderno fatto costruire a partire dal 1998 ed inaugurato nel 2000. Costeggiando il Tamigi raggiungete il Tower Bridge, la porta fluviale della città, inaugurato nel 1894 e realizzato nello stile neogotico molto sviluppato nel periodo vittoriano. Attraversatelo a piedi e godetevi una visita alla Torre di Londra, patrimonio dell’Umanità Unesco. Fatevi guidare dai beefeaters, i caratteristici protettori della torre che fanno tour gratuiti ogni ora, attraverso i numerosi edifici fortificati che nel tempo sono stati usati come palazzo reale, polveriere ed anche prigione per i detenuti delle famiglie più in vista della città. Se arrivate alla sera potrete assistere alla straordinaria Cerimonia delle Chiavi, il rituale di chiusura della torre che si svolge da oltre 700 anni seguendo sempre il medesimo schema. D’altronde, qui sono custoditi i gioielli della Corona, una collezione visitabile con il biglietto di ingresso nella torre.

Probabilmente siete arrivati alla fine della vostra vacanza ma sono sicuro che vi resta la voglia di scoprire tutto quello che non avete avuto modo di vedere in questi pochi giorni. Perché Londra è una città che ti entra dentro, la vivi non la visiti.

 

Luigi Griffo
http://www.manidiricotta.com
Ho 22 anni. Laureato con lode in Economia Aziendale. Al momento, tra un viaggio e l’altro, cerco di trovare la mia strada. Mi piace ogni posto nel mondo, ma almeno una volta all’anno torno nella "mia" Londra. Quando viaggio cerco di mangiare sempre pasti locali perché "non c’è ricordo che non abbia sapore". Una frase per descrivermi? “Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento, lo fa perché di mestiere ha scelto il mestiere del vento. Il viaggiatore odia l’estate, l’estate appartiene al turista.” Ho un difetto : parlo molto. Si vede? Doveva essere una SHORT-bio.